Sinisa e Mia, il nuovo libro di Michele Bosco tra calcio, guerra e malattia

LA METAFORA BELLICO-CALCISTICA PER AFFRONTARE LA MALATTIA E COMPRENDERE IL SENSO DELLA VITA

sinisa e mia
Virtual14. Il nuovo libro di Michele Bosco.

Romanzo sportivo, biografia romanzata, diario di un padre che ha lottato per la vita della propria figlia. Può essere definito in tanti modi il nuovo testo di Michele Bosco, Sinisa e Mia (Dario Flaccovio Editore, dal 22 Aprile online e in libreria).

Un libro messaggio dove l’autobiografia dello scrittore si unisce alla ricerca giornalistica sull’esperienza del calciatore e allenatore serbo Siniša Mihajlović, che l’autore immagina di incontrare in un racconto che intreccia le due storie e che ha l’obiettivo di sensibilizzare, di far sentire meno solo chi vive queste sofferenze e di aiutare la Fondazione Santobono Pausilipon Onlus, cui andranno parte dei proventi del libro.


sinisa e mia
Virtual14. La copertina del libro Sinisa e Mia.

Esordisce con un romanzo, quindi, Bosco – dopo i suoi fortunati testi Media House, saggio sulla trasformazione digitale dei modelli di business, e Sarrismo – Fede e disintermediazione, biografia e analisi del fenomeno mediatico legato a Maurizio Sarri, entrambi editi da Dario Flaccovio Editore –, in una narrazione che unisce la realtà alla fantasia nella lotta alla malattia, vissuta in prima persona attraverso la figlia Mia.

Non conosco il Mister, non ci siamo mai incontrati, ma le nostre anime sì – dice Michele Bosco, autore –, e allora ho immaginato come sarebbe stato, se le nostre guerre si fossero incrociate, perché lui, con la sua visibilità, ha avuto il merito di raccontare al mondo come si fa. Come si fa a guardare il nemico dritto negli occhi e petto in fuori. Perché è lo stesso nemico di tante persone e di tanti bambini, che combattono insieme alle loro mamme e ai loro papà. È per questo, infatti, che ho voluto fortemente che il libro diventasse un mezzo per fare beneficenza, devolvendo parte dei proventi alla Fondazione Santobono Pausilipon Onlus. E se la metafora bellico-calcistica mi è servita per scrivere e per tentare di rendere al meglio ciò che avevo dentro, niente e nessuno deve togliere merito a chi lotta a modo suo, non sapendo come andrà a finire. Perché non c’è niente di male ad avere maledettamente paura, ad essere disperati. E anche perché, vincere, non dipende dal risultato. Ci tengo, infine, a sottolineare anche un altro aspetto: la malattia che ha colpito Mia è una malattia rara. Io e la mia famiglia abbiamo vissuto un’esperienza che ci ha fatto comprendere quanto, in questo senso, siano importanti la divulgazione e la ricerca, ed è anche per sensibilizzare su questi temi che ho voluto condividere il nostro percorso. Grazie a chi lo leggerà e contribuirà a diffonderne il messaggio.

L’istiocitosi e la leucemia, così, diventano lo spunto per un racconto di vita, senza eroi, con il calcio a rappresentarne la metafora, in una partita in cui la paura e la disperazione non devono guadagnare campo rispetto all’approccio e alla volontà di combattere: “Ce la giochiamo. Vinciamo noi”. E allora la Serbia, l’adolescenza, la guerra, i genitori. E poi l’Italia, la famiglia, la carriera. Il percorso di Siniša Mihajlović è una parabola romanzesca come le traiettorie delle sue punizioni. Potenti e dolci, come le lacrime del suo viso mentre condivide la sua esperienza – da adolescente, prima, e da calciatore e allenatore, poi – riportata con gentilezza e garbo da Bosco, e descritta con grande trasporto ed emozione insieme a quella vissuta, con la sua famiglia, per la sua seconda figlia, Mia, che a quattro anni si è ammalata iniziando anche lei la sua battaglia.

Precedente I contenuti per l'identità e la reputazione: il caso Chelsea
Successivo La politica tra personal branding e newsjacking: l'ecosistema digitale della Lega di Salvini

Nessun commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *