Da non confondersi con i  pomodori ancora acerbi i pomodori verdi sono una squisita variante del classico pomodoro rosso: conosciuto anche come la zia di Rubyverde tedesco ha di solito grosse dimensioni – può arrivare a pesare anche mezzo chilo – è molto più saporito della maggior parte dei pomodori rossi – un sapore deciso, forte, quasi fruttato – e ha una polpa priva di semi, forma tondeggiante e superfice superiore leggermente scanalata. Va consumato sempre cotto.

 

Il cinema a tavola

Molti, quando si parla di pomodori verdi fritti, non possono fare a meno di pensare al film che ha reso famosa questa ricetta – Pomodori verdi fritti alla fermata del treno – o al libro da cui è stato tratto, Pomodori verdi fritti al caffè di Whistle Stop. Con la bella stagione i pomodori verdi fritti sono un simpatico piatto da provare come contorno o antipasto, per questo vi propongo la simpatica variante di giallozafferano.it per la preparazione di questo classico della cucina tradizionale americana.

Ingredienti per 4 persone

pomodori verdi di media grandezza

80 gr di farina di mais

80 gr di farina 00

uova

10 gr di zucchero

2 gr di sale

1 gr di pepe

350 gr di olio di semi di arachidi per la frittura dei pomodori

 

La preparazione secondo giallozafferano.it

Per preparare i pomodori verdi fritti iniziate lavando i pomodori sotto l’acqua corrente , quindi tagliate ognuno di essi nel senso della larghezza, in modo da ricavare delle fette spesse circa 1 cm . A questo punto adagiatele su una gratella, salateli e lasciateli in questo modo per circa 30 minuti, in modo che perdano parte dell’acqua di vegetazione .

In una ciotola, setacciate prima la farina di mais  e poi sempre nella stessa ciotola setacciate anche la farina 00 . Unite quindi lo zucchero  e mescolate con un cucchiaio fino ad avere una miscela uniforme.

In un altro contenitore sbattete le uova con il sale e il pepe . Passati i 30 minuti riprendete le vostre fette di pomodoro e passatele prima nell’uovo e poi nel mix di farine

Ripetete ancora una volta la stessa operazione, quindi passate i pomodori appena impanati nuovamente nell’uovo , e terminate ripassandoli nelle farine. Quindi friggete, pochi pezzi per volta, in abbondante olio bollente. Una volta ben dorati su entrambi i lati, scolateli dall’ olio in eccesso e posizionateli su un vassoio foderato con della carta assorbente, senza sovrapporli.

Ricordate di servire i pomodori ben caldi. Si tratta di una ricetta facile e gustosa che richiede all’incirca mezz’ora di tempo – tra preparazione dei pomodori e frittura – e dal saporito risultato. In America i pomodori verdi fritti per tradizione vanno serviti con una salsa al latte, o salsa country gravy che si prepara facendo sciogliere 30 gr di burro in un tegamino e aggiungendo, pian piano, 30 grammi di farina e mezzo litro, circa, di latte, sale – se è possibile aromatizzato all’aglio – pepe, paprika. Basta mescolare il tutto con una frusta, perchè non vi siano grumi, e lasciar cuocere finchè non assume un colore dorato.