La rivoluzione digitale ha reso il contenuto, e la sua diffusione, elemento centrale della comunicazione, e, ormai, fondamentale per le aziende per intercettare il pubblico e dialogare coi propri target.

Il riposizionamento di Virtual14 nell’ecosistema di Fanism, per questo, la rende una Content Boutique, organizzata come ibrido tra agenzia e redazione. Nelle parole di Michele Bosco, Chief Content Officer, tutta la soddisfazione per una scelta che conferma la concretizzazione sempre più evidente di una visione che si materializza giorno dopo giorno:

Quando ho fondato Virtual14, molti non comprendevano la scelta di strutturare il sito come un magazine. I fatti mi hanno dato ragione, perché niente poteva evidenziare al meglio le competenze di chi si propone sul mercato per produrre contenuti. Il brand journalism, di cui allora non parlava nessuno, è ora in piena espansione come strategia di marketing, anche se siamo solo all’inizio e c’è tanta strada da fare. Soprattutto, c’è ancora da fare tanta educazione e formazione. Ma questo non ci spaventa. La redazione, quindi, oltre a gestire il brand magazine, si dedicherà ai contenuti in modo sempre più esclusivo, delegando alle altre aree del gruppo le skill necessarie alla realizzazione dei progetti su cui lavoriamo, come digital media house. Altro concetto di cui, in tempi non sospetti, avevo iniziato a parlare.

Dal BRAND DATA JOURNALISM al BRAND ENTERTAINMENT, dal VIDEO JOURNALISM al LIVE EVENT STORYTELLING, passando per NEWSROOM e NEWSFEED e per il CONTENT e il SOCIAL MEDIA MARKETING, Virtual14 sarà focalizzata sui progetti editoriali, le cui attività saranno centrali e funzionali a quelle di MEDIA RELATIONS e DIGITAL PR.


Il restyling di Virtua14.com.

Il nuovo Brand Magazine

Il brand journalism, quindi, continua ad essere la scelta strategica e il sistema di gioco su cui basare le tattiche che la digital media house propone con convinzione per sé stessa ed i propri clienti. Il nuovo brand magazine, per questo, è stato rimodulato e diviso in 4 MACROCATEGORIE:

  • FOCUS: con know-how e aggiornamenti su digital, comunicazione, informazione, innovazione e molto altro;
  • INDUSTRIE: interviste, analisi, casi studio e approfondimenti sulle più importanti industrie del mercato globale;
  • TALENTI: valutazioni e confronti diretti con gli attori protagonisti dei differenti ecosistemi di business;
  • COMUNICATI: informazioni e ufficializzazioni sulle attività del gruppo.

L’interazione sui social, poi, completerà un’offerta quanto mai ricca, dalla produzione alla diffusione di contenuti sempre più coinvolgenti. In un nuovo business model che punta alla creazione di evolute opportunità di visibilità e di alternative fonti di revenue.

Perché «ogni azienda è un media».

Precedente Anna Maria Lorusso, "Realtà e finzione si sono confuse"
Successivo GR, rebranding e riposizionamento per il design hub

Nessun commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *