Ignorato per tutta la stagione invernale, il condizionatore è un elettrodomestico la cui utilità si riscopre soprattutto in estate, quando l’afa e il clima rovente rendono la casa troppo calda. Se, all’arrivo della bella stagione, vogliamo che il nostro condizionatore funzioni alla perfezione è importante effettuare una manutenzione scrupolosa.

La sanificazione

Iniziamo facendo una distinzione tra sanificazione e manutenzione. La sanificazione del condizionatore – da eseguirsi ogni due anni – è, in realtà, obbligatoria e prevista dal Decreto Legge 81/2009. Si tratta di una pulizia profonda che richiede l’intervento di un tecnico specializzato, a meno che non siamo particolarmente abili.

A cosa serve davvero la manutenzione del condizionatore

La corretta manutenzione del condizionatore garantisce una vita più lunga al nostro dispositivo ed anche un funzionamento migliore. Tutto questo si traduce anche in un notevole risparmio economico ed energetico perchè un condizionatore funzionante non va soggetto a costosi interventi di riparazione e a sprechi di energia elettrica. Ultimo fattore – assolutamente da non trascurare – è un’aria più sana e pulita. I filtri polverosi sono, infatti, un ricettacolo per batteri di ogni tipo.

Pulire i filtri

filtri sono un elemento fondamentale del condizionatore: da essi dipende la qualità dell’aria che respiriamo, ma anche lo stato di salute dell’intero dispositivo. I filtri sporchi o addirittura intasati, infatti, impediscono il passaggio dell’aria affaticando il motore e rendendolo più rumoroso. Smontare i filtri è un’operazione abbastanza semplice, visto che sono fatti apposta per essere smontati e rimontati con una certa frequenza: sono facilmente accessibili alzando lo sportello del condizionatore. Molte persone credono che i filtri vadano cambiati ogni anno, ma in realtà – a meno che non siano davvero irrecuperabili – spesso basta lavarli per farli tornare come nuovi. L’importante è farlo nel modo giusto: a meno che non si abbia a disposizione un compressore, acqua e sapone neutro saranno sufficienti, ma per un’azione antibatterica più efficace si possono usare acqua tiepida e alcol. Se è possibile cerchiamo di usare un getto d’acqua abbastanza potente come, ad esempio, quello della doccia, in modo da rimuovere ogni residuo. Se lavare i filtri è una faccenda semplice ricordiamo che particolare attenzione deve essere messa nell’asciugatura che deve avvenire in un luogo chiuso e pulito, altrimenti si corre il rischio che si sporchino di nuovo. In commercio esistono anche degli spray antigermi da spruzzare sui filtri prima di rimetterli in sede. Ricordiamo di aver cura di spolverare anche il vano in cui sono inseriti, oltre agli erogatori d’aria.

Pulire l’unità esterna

Anche questa è una manovra molto semplice, a patto che l’unità esterna non sia in un luogo difficile da raggiungere. In questo caso potrebbe essere necessario l’aiuto di un tecnico qualificato. Per facilitarci il lavoro ogni primavera è un bene avere l’accortezza di coprire – con un telo di plastica impermeabile – l’unità esterna durante tutto il periodo in cui il condizionatore non è in uso. La maggior parte dello sporco di solito si accumula sulle pale della ventola: smontare la griglia rende tutto più semplice, ma non è obbligatorio aprire il condizionatore per effettuare una buona pulizia: basta usare un aspirapolvere. L’importante è che cerchiamo di pulire più a fondo possibile. La pulizia dell’unità esterna va fatta – come nel caso dell’unità interna – almeno una volta all’anno e, ovviamente, a macchina spenta.

Il gas refrigerante 

Prima che arrivi il gran caldo sarà opportuno mettere in funzione il condizionatore per verificare se funziona correttamente: se non è più efficiente come un tempo, se l’aria non si raffredda a sufficienza, è molto probabile che ci sia una perdita di gas refrigerante o che ci sia bisogno di una ricarica di gas. In commercio esistono molti kit per ricaricare il gas, ma si tratta di un’operazione che richiede una certa esperienza e, quindi, meglio lasciarla ad un tecnico: lui potrà, in effetti, dirci se c’è una perdita importante o se è sufficiente fare una ricarica.

Non sarà il modo più divertente per passare il tempo, ma la manutenzione del condizionatore ci garantirà estati fresche e piacevoli con un minimo sforzo, quindi non dimentichiamo mai di dedicare un po’ di tempo a questo importante elettrodomestico.