Si è appena concluso l’evento Kickoff, il calcio e i campionati mondiali: informazione, comunicazione e spettacolo, che si è tenuto oggi pomeriggio al dipartimento di Scienze Sociali della Federico II di Napoli.

Sono intervenuti personaggi di spessore, quali:

  • SERGIO BRANCATO, Professore di Sociologia e Storia dei Media dell’ Università Federico II di Napoli;
  • GIANFRANCO COPPOLA, Vice Capo Redattore RAI TGR Campania;
  • MASSIMILIANO GALLO, Direttore Responsabile de ilnapolista.it;
  • CARLO SORRENTINO, Direttore della Rivista “Problemi dell’informazione”, dell’Università di Firenze.

Il dibattito ha affrontato, partendo dall’evento “Mondiali di calcio”, vari temi legati all’evoluzione in atto nel mondo dell’informazione e in quello della comunicazione. Ma, soprattutto, alla sovrapposizione che si sta creando tra essi e alle dinamiche che stanno coinvolgendo il ruolo del giornalista in funzione dei new media, tema centrale del nostro portale.

Il Focus

E’ stato emblematico un intervento del Professor Brancato, che ha sottolineato come il giornalista stia diventando sempre meno autorevole nell’era dei social network, che generano un sistema in perenne connessione nel quale il pubblico ha la possibilità di dire la propria su ogni evento, dibattendo in tempo reale con chi ha il compito di fare informazione.

Di seguito evidenziamo i tweet attraverso i quali la nostra redazione, presente all’evento, lo ha raccontato con un dettagliato “live tweeting” coinvolgendo i relatori stessi e non solo.




 


 


 


 


 

Sintomatico, in tal senso, l’intervento di Anna Trieste con la quale abbiamo interagito, chiudendo il “live” e mettendo in risalto uno degli ultimi interventi del “suo” Direttore al Napolista, Massimiliano Gallo, in merito alla linea editoriale basata su Rafa Benitez come simbolo di un’opportunità per Napoli. Dal punto di vista calcistico ma, soprattutto, culturale: