Siamo con il Dott. Cristiano Abbruzzese, Direttore Responsabile di Europacalcio.it, portale online di calcio europeo.

Abbiamo la fortuna di conoscerlo da un bel pò e gli abbiamo chiesto di incontrarlo per parlarci delle sue attività, visto che è “un comunicatore di professione e per passione”.

Ciao Cristiano, prima di tutto grazie per aver accettato di rilasciarci questa intervista. Come sai, Virtual14 si occupa di comunicazione (soprattutto online) e il nostro sito, virtual14.com, è strutturato come un magazine che mette al centro delle proprie attività approfondimenti, informazioni, casi studio e tutto quanto sia inerente questo settore, proponendosi di fare brand journalism per sè e per i propri clienti. Tu sei un giornalista, qual’è stato il tuo percorso professionale, in tal senso?

“E’ iniziato tutto per gioco, nel 2007, con una piccola testata monotematica sul Calcio Napoli. La gavetta professionale è stata in salita, ma alla fine ne è valsa la pena. Da circa tre anni sono giornalista pubblicista e da due anni e mezzo, insieme ai miei soci Vincenzo Vitiello e Gennaro Canfora, abbiamo messo su EuropaCalcio.it, un progetto che aspira ad essere vincente”.

Come promuovi la tua attività lavorativa e la tua immagine di professionista?

“Sicuramente curando gli articoli nei minimi particolari, cercando di fornire al lettore un’informazione chiara, semplice e trasparente senza, ovviamente, perdere di credibilità. Infatti la ricerca dei particolari deve essere minuziosa, non si deve lasciare nulla al caso”.

Come ti approcci al tuo network? Hai un sito internet personale?

“Non ho un sito internet personale perché preferisco essere identificato con il marchio EuropaCalcio.it che, finora, sotto il profilo professionale, ha portato tante soddisfazioni”.

Oggi come oggi ci sono persone che hanno un seguito così vasto da diventare esse stesse veri e propri brand. Hai mai sentito parlare di Personal Branding?

“Certo, ma insieme al mio staff concentro i miei “sforzi” sul marchio aziendale. Uno degli obiettivi che vorremmo raggiungere con EuropaCalcio.it, infatti, è renderlo un importante “brand giornalistico” riconoscibile al pari dei grandi quotidiani. E’ una strada tortuosa, ma come si suol dire: ‘bisogna puntare alla luna per riuscire ad arrivare alle stelle'”.

Come gestisci, invece, la comunicazione per il tuo portale? Investite in pubblicità offline e online?

“Stiamo investendo i primi ricavi in pubblicità online e puntando sulle condivisioni sui social network”.

All’interno del vostro staff ci sono tecnici che si occupano di web e marketing?

“Sì, certo, c’è il nostro Gennaro Canfora. Professionista in ambito web, SEO e marketing”.

Cosa pensi dei nuovi mezzi di comunicazione, social network soprattutto, e come credi abbiano cambiato le abitudini delle persone?

“Credo siano diventati fondamentali per l’alta velocità dell’informazione. Ormai i quotidiani vengono letti solo dalle vecchie generazioni che non vogliono perdere le tanto amate abitudini”.

Come pensi, invece, i social incidano giorno per giorno nelle dinamiche relative al lavoro del giornalista? Sembra che i nuovi media abbiano azzerato le distanze tra “evento” e pubblico che, con questi “mezzi”, può dire la propria su ogni accadimento e contraddire/controbattere in tempo reale chi, per professione, è chiamato a raccontare i fatti. Qual’è la tua opinione?

“Bisogna analizzare la cosa sotto due aspetti: il primo, di contatto. Ovvero l’utente ha l’opportunità di esprimere la sua opinione commentando l’articolo; il secondo, relativo alle critiche: un articolo condiviso sui social network è più esposto, in maniera cronologica, ad una critica immediata”.

Sei un profilo “attivo” sui canali social anche a livello personale?

“Molto, anche se prediligo condividere articoli di EuropaCalcio.it piuttosto che scrivere cose banali. Bisogna saperli usare i canali social”.

Il nostro magazine si occupa di Brand Journalism. Ovvero di raccontare i brand, le loro dinamiche, i loro valori, la loro mission. Per fidelizzare il pubblico attraverso la “conversazione” ed ampliare il bacino potenziale di un’azienda. Puntando sulla fidelizzazione. Insomma, giornalismo aziendale. Ne avevi mai sentito parlare? Cosa ne pensi?

“Sicuramente è un ottima idea da parte vostra. Il giornalismo ha bisogno di innovazione e tecniche nuove, è un campo che potenzialmente potrebbe essere in continua espansione. Le persone, al giorno d’oggi, sono più esigenti. Vogliono essere informate su ogni cosa che si apprestano a fare”.

Quando pubblicheremo questa intervista, la condividerai sulle tue pagine social?

“Ovvio, così sia EuropaCalcio.it che Virtual14.com avranno, come penso, riscontri positivi e tante letture”.

Ringraziamo Cristiano per il suo prezioso contributo al nostro sito. Continueremo a seguirlo sui social network e su Europacalcio.it.

“Grazie a voi ed in bocca al lupo per questa nuova avventura”.

Crepi!