“L’innovazione è un’attività sociale, accade ai margini, quando le persone collidono in posti inaspettati per accendere nuove idee”, sostiene Martin Duursma (Vicepresidente Citrix Startup Accelerator)Il mondo si evolve costantemente: era dopo era, prima, anno dopo anno, poi, e ora giorno dopo giorno. Negli ultimi secoli, infatti, la velocità con cui i grandi cambiamenti storici e sociali hanno avuto luogo è aumentata sempre di più, fino ai ritmi vertiginosi dei nostri giorni.

Nuovi problemi, nuove soluzioni

Cambiamenti più rapidi significano nuove possibilità, ma anche nuovi problemi a cui far fronte e nuove soluzioni per risolverli e continuare a crescere. Il concetto di social innovation – letteralmente innovazione sociale – si lega proprio a tutti questi mutamenti, ne coglie l’essenza o – per meglio dire – l’anima.


social innovation

Virtual14. La Social Innovation per Cheryl Heller.

L’era della social innovation

Per social innovation si intende un insieme di soluzioni più efficaci, più efficienti, più performanti e più semplici di quelle vecchie, ormai obsolete. È un concetto che ha un ampio respiro, per cui il suo raggio d’azione ha poco a che fare con i privati e molto con società e aziende. Per dirla come il fondatore e CEO di Deep Focus, Ian Schafer:

“L’innovazione ha bisogno di far parte della vostra cultura. I consumatori cambiano ad una velocità molto maggiore di noi e se non li raggiungiamo siamo nei guai”.

Cambiare il mondo

Pur avendo a che fare con società e aziende la social innovation è qualcosa di diverso rispetto all’impreditoria sociale così come siamo abituati a pensarla. Scopo della social innovation è condividere non solo le soluzioni di cui si parlava prima, ma anche i valori ad esse legati, come – ad esempio – la sostenibilità. L’insieme delle soluzioni trovate e condivise reca benefici su vasta scala e coinvolge più settori.


social innovation

Virtual14. Hitachi e la Social Innovation.

Un secolo avanti

Se c’è un’azienda che ha costruito se stessa attorno all’idea di social innovation è sicuramente Hitachi, il colosso nipponico dell’elettronica e dei trasporti. Dal 1910 – anno in cui fu fondata da Namihei Odaira – la storia di Hitachi è stata segnata da un continuo progredire nei settori dell’energia, del trasporto e dell’elettronica, la capacità di diversificare la produzione ne ha poi consentito l’espansione.

Oggi Hitachi è tra le aziende che maggiormente ha contribuito a cambiare la vita delle persone

immettendo sul mercato una gamma di prodotti innovativi che hanno avuto un profondo impatto sulla società.

Dalle fibre ottiche che mettono in contatto milioni di persone alle apparecchiature mediche o per la trasmissione dati: il contributo di Hitachi è indiscutibile e non è venuto mai meno.

Social Innovation Hub: gli obiettivi di Hitachi

Dalla smart city ai robot integrati ad una piattaforma internet, dalla sicurezza dei sistemi fisici, informativi e di controllo, all’utilizzo degli strumenti di analisi e all’Internet of Things, l’obiettivo di Hitachi si può riassumere così: un futuro aperto alle idee. Social Innovation Hub – il sito Hitachi dedicato alla social innovation – si presenta come un contenitore di idee e progetti, ma anche come una finestra sul futuro: un futuro che sta diventando realtà sotto i nostri stessi occhi. È, infatti, possibile visitare la sezione dedicata alle case history per scoprire in che modo le idee diventano progetti e i progetti realtà funzionanti. L’idea di fondo è quella di un “villaggio globale tecnologico” in cui la rivoluzione digitale ha già avviato una “riorganizzazione delle industrie e delle infrastrutture sociali” che si tradurrà in nuove opportunità per le società e le imprese.


internet of things

Virtual14. Robert Metcalfe e l’innovazione.

Internet of Things

Particolare importanza – all’interno del progetto Hitachi – ha Internet of Things, l’internet delle cose – ed è facile capire perché. Si calcola che, entro il 2020, il 56% delle persone vivrà in aree urbane. Città che gli abitanti desiderano sicure, ben collegate da una rete di trasporti e, in una parola, vivibili. Città, d’altro canto, che gli imprenditori vogliono considerare come opportunità economiche. La città del futuro – un futuro lontano davvero pochi anni – deve avere la prerogativa di poter offrire una qualità della vita che coincida appieno con le aspettative, e deve – in un certo senso – adattarsi a chi la abita. Non è strano, quindi, sentir parlare di smart cities, città intelligenti. L’essere smart di queste città dipende prima di tutto dalla loro efficienza, a cominciare dalle infrastrutture: Hitachi – attraverso Internet of Things – si sta impegnando a rendere le città più sicure, i collegamenti più rapidi e precisi, a ad offrire alle industrie soluzioni per ottimizzare le proprie attività e a sviluppare l’uso di energie alternative. 

Accelerando verso il futuro.


Scegli il Brand Journalism per la tua azienda

“L’associazione tra web marketing e giornalismo è sempre più d’attualità. Entrambi si basano sul contenuto e quest’ultimo diventa progressivamente più legato alle dinamiche del web. Con l’avvento dei Social Network sono cambiate le abitudini delle persone. Le fonti per reperire notizie, sempre più spesso, non sono più i canali tradizionali ma le piattaforme di aggregazione digitale, i blog o i gli stessi siti internet aziendali. Inoltre, ogni evento acquisisce eco alimentandosi dagli utenti stessi. Chi diffonde la notizia deve essere semplicemente bravo a canalizzarla nel modo giusto. La rete farà il resto.”


Web Project Management, Web Marketing, Content Management, Accounting. Contattaci per parlarci del tuo progetto ed avere un preventivo gratuito.

Virtual14-social-media