William Klein è considerato uno dei pionieri della street photography, il suo stile – caratterizzato dalle immagini sgranate, l’uso creativo dello sfocato e dell’obiettivo grandangolare, l’ironia nell’approccio e l’uso di tecniche inusuali – lo ha reso uno dei fotografi più brillanti del suo tempo, celebrato da Vogue per il quale ha creato i suoi famosi ritratti di moda e messo al venticinquesimo posto tra i cento fotografi più influenti dal Professional Photographer Magazine.

“Life is Good and Good for You in New York”, è stato il suo primo lavoro considerato un’opera fondamentale nella storia della fotografia. Sessant’anni dopo, a ottantasei anni di età, William Klein ha ancora molto da dire: un maestro del bianco e nero come lui decide di fotografare Brooklyn in digitale e a colori. Colori saturi, forti, sponsorizzati da una nota marca giapponese di fotocamere danno vita a “Brooklyn + Klein”.

Foto scattate di giorno, di notte, dal finestrino dell’automobile oppure totalmente immerso nella scena. “Brooklyn, per me, è stata sempre un mistero” ha dichiarato Klein, “ ma ora è diventata una scoperta fotografica, fatta con piacere, mentre la macchina fotografica è stata un partner e non un semplice oggetto”.

Klein fotografa la vita brulicante del borough newyorkese: i colori dei negozi messicani e russi, le stazioni di polizia e i tribunali, ispanici che ballano ed ebrei chassidici nel loro classico abbigliamento.

Atmosfere e colori.