Spesso ci capita di essere ospiti in case dall’aspetto molto curato, magari con un salone in cui molto studio è stato dedicato all’impatto visivo, oppure con cucine di ultima generazione, piccoli capolavori del design…eppure – al momento di andare a “lavarci le mani” – siamo rimasti sorpresi e delusi da una stanza da bagno non “in tono“, sicuramente non all’altezza del resto della casa. Ma ricordiamoci che il buon gusto non si ferma davanti alla porta del bagno. Come arredare il bagno è una questione – è proprio il caso di dirlo – di gusti personali: il bagno più di tutte le altre stanze deve essere arredato in modo da rendere piacevoli i nostri momenti di privacy. Una soluzione per rendere il bagno più accoglientevivace sono le pareti décor. Vediamo come ce le presenta Cosedicasa.com:

Per mettere in risalto gli arredi

“Si ispirano alla natura e ai tessuti, sono lisce e lucide o con effetto anticato e materico: le piastrelle decorate valorizzano le pareti del bagno e, in abbinamento ai pavimenti, fanno risaltare arredi e sanitari.

Decori e pezzi speciali abbinati alle piastrelle in tinta unita permettono di realizzare anche in bagno soluzioni molto personali e originali, grazie ai diversi formati e colori disponibili. Le piastrelle da rivestimento per le pareti riproducono fantasie floreali, geometriche, a volte hanno effetti materici di grande impatto visivo, tanto da farle diventare dei veri elementi di arredo, da coordinare al pavimento.

Le attuali tecniche di produzione consentono di realizzare qualsiasi tipo di colore o sfumatura e di riprodurre sulla superficie ceramica svariati effetti materici, compresa la riproduzione fedele delle immagini della natura o delle stampe. Grazie alla tecnologia digitale, un volta realizzato il motivo al computer, lo si trasmette a una stampante ink-jet che lo spruzza sulla piastrella.”

I materiali delle pareti décor

“Un decoro importante e dai colori vivaci si usa di solito per evidenziare una sola parete, per esempio quella del lavabo: l’abbinamento più consigliato in questo caso è a piastrelle di colore neutro o tinta unita. In questo modo se si desidera cambiare il look al bagno, basta rinnovare soltanto il decoro e non è necessario sostituire l’intero rivestimento delle pareti. Non dimenticare comunque che un decoro di grande effetto vincola anche la scelta dell’arredo-bagno.

Le piastrelle possono essere realizzate in diversi materiali ceramici, con qualità estetiche e tecniche differenti. Le piastrelle in monocottura in pasta bianca sono realizzate con la cottura contemporanea del supporto ceramico e dello smalto, hanno un’ottima resistenza alle abrasioni e sono facili da pulire. Quelle in bicottura invece sono cotte due volte, la seconda per far aderire lo smalto della superficie e ottenere in questo modo un effetto decorativo molto spiccato. Il gres porcellanato è un materiale ceramico molto resistente, non poroso e che si pulisce semplicemente con una spugna e per questo è tra i più utilizzati per rivestire le pareti del bagno. Un materiale tradizionale come il travertino si inserisce bene in un ambiente di stile rustico: la sua durezza lo rende resistente a graffi e abrasioni.”