Siamo con Alessandro Risso, Direttore Creativo, Designer Web e Grafico, autore per Themeforest e amante del Minimal.

Abbiamo la fortuna di conoscere Alessandro da un po’ e seguiamo le sue attività da tempo. Gli abbiamo chiesto, quindi, di incontrarlo per parlarcene e per approfondire, insieme a lui, tematiche relative alla comunicazione ed all’evoluzione del nostro lavoro.

Ciao Alessandro, prima di tutto grazie per aver accettato di rilasciarci questa intervista. Come sai, Virtual14 si occupa di comunicazione (soprattutto online) e il nostro sito, virtual14.com, è strutturato come un magazine che mette al centro delle proprie attività approfondimenti, informazioni, casi studio e tutto quanto sia inerente questo settore. Tu sei un professionista della comunicazione, qual è stato il tuo percorso, in tal senso?

“Ciao Ragazzi, dunque, il mio è un percorso molto lungo, pieno di errori che mi hanno, però, permesso di imparare tanto e di raggiungere obiettivi importanti durante il cammino. Mi sono diplomato allo IED di Barcellona in visual communication e durante gli studi lavoravo già in piccolissime realtà della costa brava, iniziavo a farmi le ossa. Nel 2009 ho iniziato anche a studiare codice e fare pratica nella realizzazione di siti web, dal wireframe alla parte tecnica.”

Il nostro settore è in rapida evoluzione. In che direzione si sta andando, a tuo modo di vedere?

“La comunicazione, e nello specifico il campo del web design e dello sviluppo di applicativi web, é davvero in rapida evoluzione, si fà fatica a stare al passo. Relativamente a ciò di cui mi occupo io noto che si tende sempre più a fornire tool che permettano all’utente di realizzare in totale autonomia un progetto web, senza competenze specifiche. Per me è un bene, perchè appena si rendono conto che non è tutto cosi semplice e che forse è il caso di contattare un professionista, poi tornano. Basta saper aspettare.”

La “rivoluzione digitale” sta portando il contenuto ad essere l’elemento centrale della comunicazione. La produzione di testi di qualità e la loro diffusione rappresentano, ormai,  elementi fondamentali per le aziende per diventare punti di riferimento dei propri settori commerciali. Cosa ne pensi?

“Eh eh, hai pienamente ragione, il problema è che oggi ci sono davvero pochi testi di qualità, troppe volte atterro su una pagina dove la presenza di keywords per la seo e così fitta e ripetitiva che faccio quasi fatica a capire l’articolo, altre volte sempre per forzare le tecniche di seo, leggi un titolo e poi atterri su una pagina che parla d’altro. Produrre testi di qualità, come fate voi di Virtual14, è fondamentale perchè sono funzionali ma naturali.”

In che modo gestisci la comunicazione per le realtà per le quali lavori? Che tipo di attività online organizzi e che importanza dai alla cura dei blog e delle pagine social?

“Attualmente mi occupo di design, non sposo la tuttologia, per questo mi avvalgo sempre di preziosi collaboratori per gestire, se richiesta, la comunicazione del cliente. Per un’azienda o per un freelance avere un blog è molto importante, nel mio caso condividere lavori d’ispirazione per gli altri mi permette di essere seguito e quindi di poter comunicare con i miei followers in modo diretto. E, nei casi di promozione di un nuovo progetto o prodotto, è importante per fare personal branding. Anche i social network sono importantissimi, però molti professionisti dovrebbero saper scegliere quale piattaforma è più efficace per loro, non serve essere iscritti dappertutto. Nel mio caso Facebook, Twitter, Bèhance e Linkedin bastano e avanzano.”

Come “racconti”, invece, te stesso, il tuo lavoro e le tue attività?

“Sono una persona che ama veramente tanto il suo lavoro, per poterlo fare ho fatto tantissimi sacrifici ed una gavetta enorme. Sono anche papà di una piccola principessa di 5 anni e appena posso mi piace passare tempo con lei a disegnare (guarda un po’), per andare a mangiare un gelato o a fare dei giri in bici. Mi piace guardare serie TV, la Boxe, l’MMA e sono tifoso del povero Milan. Tutto questo lo condivido, a piccole dosi, soprattutto su Facebook. Raccontarsi si, ma il giusto.”

Oggi come oggi ci sono persone che hanno un seguito così vasto da diventare veri e propri “marchi”. Come curi e promuovi la tua attività lavorativa e la tua immagine di professionista? Anche tu lavori allo sviluppo del tuo Personal Brand?

“La mia immagine e tutti i miei progetti personali li curo da solo, sono un vulcano di idee e curo come Art Director diversi progetti. Per ognuno di questi utilizzo canali specifici, questo mi permette di sviluppare, di conseguenza, anche il mio personal brand.”

Cosa pensi dei nuovi mezzi di comunicazione, social network soprattutto, e come credi abbiano cambiato le abitudini delle persone?

“I nuovi mezzi di comunicazione sono efficaci e potenti se usati nel modo corretto. Però, alla domanda  rispondo che ci hanno resi tutti troppo (se puoi scrivi “coglioni”) dipendenti da essi. Sarebbe noioso raccontarti la storia dei ragazzi in pizzeria il sabato sera che passano il tempo a condividere cosa mangiano invece di parlare tra loro.”

La nostra struttura si occupa di Brand Journalism. Ovvero di raccontare i brand, le loro dinamiche, i loro valori, la loro mission. Per fidelizzare il pubblico attraverso la “conversazione” ed ampliare il bacino potenziale. Insomma, giornalismo aziendale, che porti un beneficio commerciale. Perchè crediamo che il web marketing, sempre più basato sul contenuto, stia andando fortemente in questa direzione. Qual è il tuo pensiero?

“Io penso che sia molto importante raccontare i Brand per fidelizzare il pubblico, oggi le aziende per essere visibili online hanno bisogno di questo, hanno bisogno di professionisti come voi che li accompagnino in questa giungla chiama web.”

Sappiamo che sei sempre in movimento, per chiudere questa bellissima chiacchierata dicci cosa bolle in pentola…

“Beh, da inizio anno ho iniziato la realizzazione di template premium per wordpress e sono entrato in Themeforest, il più grande Marketplace di settore al mondo, lanciando 90/10, un template che ha ricevuto tantissimi feedback positivi. I template vengono venduti con il brand Revothemes di cui curo tutta l’immagine e l’art direction. Oltre che su Themeforest vendiamo anche su Mojo. Nell’aria c’è un altro progetto fresco fresco ma è ancora top secret, uscirà a breve.”

Quando pubblicheremo questa intervista, la condividerai sulle tue pagine?

“Assolutamente si, a me piace darmi delle arie :D”

Ringraziamo Alessandro per il suo prezioso contributo al nostro portale. Continueremo a seguirlo sui social network e sui siti web dei suoi Brand.